Foto presa dal web

“Ode al mare”

Odori che s’amano
luci che abbagliano
cerco conosco respiro

tra i capelli
tra le mani
tra lo scorrere del tempo che niente muta ma trasforma

ode ode al mar mio mar mediterraneo
così azzurro e lindo
così nero e triste
così profondo ed impetuoso
così violento di morte
così vivo di approdo alla terra promessa

ode oh mio mar…
sei musica penetrante
sei sirena immaginaria
sei la mia pelle
che torna ad essere nuda
nei silenti echi di un vago cercare
che ritorna sempre lì
dove un seme germogliò l’amata terra mia.©

diCresy Crescenza Caradonna

 Articolo di WordPress

Annunci